Logo Avis Lombardia
Faq Giovani

FAQ/Giovani

Chi può partecipare al bando per il Servizio Civile Nazionale?

Possono partecipare tutti i ragazzi e le ragazze tra i 18 e i 28 (non ancora compiuti) anni che siano in possesso della cittadinanza italiana.

Coloro che vogliono candidarsi NON DEVONO

• aver subito condanne penali;

• appartenere a corpi militari o forze armate;

• aver avuto rapporti di lavoro con l’ente che propone il progetto nell’anno precedente alla presentazione della domanda;

• aver già prestato Servizio Civile in qualità di volontari (ovvero ai sensi della Legge 64/2001);

• aver volontariamente interrotto in passato il Servizio Civile Nazionale prima della scadenza prevista (non rientrano in questa categoria coloro che hanno interrotto il servizio per gravi motivi di salute).

Al bando possono partecipare anche coloro che hanno già svolto il Servizio Civile sostitutivo dell’obbligo di leva militare.

In quali aree di intervento è possibile svolgere il SCN?

Il SCN si può svolgere in uno dei seguenti settori:

• Assistenza;

• Protezione civile;

• Ambiente;

• Tutela del patrimonio artistico e culturale;

• Educazione e promozione culturale;

• Servizio Civile Estero.

I volontari in servizio ricevono uno “stipendio”?

I giovani in SCN in Italia ricevono per legge un rimborso spese (assegno di servizio) per un totale di 433,80 € netti mensili (soggetti a ritenute fiscali qualora il volontario abbia altre fonti di reddito).

Questo rimborso spese viene corrisposto dall’Ufficio Nazionale del Servizio Civile (UNSC) con il versamento su un apposito libretto postale. I volontari impegnati in progetti all’estero ricevono invece un’indennità maggiore (per maggiori dettagli si veda il sito www.serviziocivile.it).

Il periodo di SCN regolarmente portato a termine è riconosciuto valido per l’inquadramento economico e per la determinazione dell’anzianità lavorativa ai fini del trattamento previdenziale del settore pubblico e privato.

Quanto dura il SCN e qual è l’impegno orario richiesto?

La durata del SCN è stabilita per legge in 12 mesi.

L’orario di servizio è stabilito nel progetto e può prevedere:

• un impegno settimanale non inferiore alle 30 ore da articolare su 5 o 6 giorni a settimana;

• oppure un monte ore annuo di almeno 1.400 ore, con un minimo di 12 ore settimanali su 5 o 6 giorni di servizio.

Sono previsti dei permessi o dei giorni di ferie?

Sono previsti 20 giorni di permesso retribuito all’anno, da concordare con l’OLP.

Ad ogni volontario spettano anche eventuali permessi per malattia fino ad un massimo di 15 giorni.

Il Servizio Civile può essere interrotto?

Poiché si tratta di una attività volontaria è possibile interrompere la partecipazione al SCN in qualsiasi momento, anche senza fornire motivazioni e senza un termine di preavviso.

In questo caso il volontario dovrà comunicare per iscritto all’Ente la sua decisione.

È possibile lavorare mentre si è in Servizio?

I volontari possono svolgere attività di lavoro subordinato o autonomo, purché compatibile con l’impegno previsto dal progetto di SCN. Fino alla scadenza del Servizio non possono però lavorare per l’Ente titolare del progetto.

Qual è la sede di svolgimento del servizio?

La sede di attuazione del servizio è indicata nel progetto ed è unica per ogni volontario in servizio. In caso di particolari esigenze dell’Ente il volontario può svolgere il servizio presso una sede alternativa per un massimo di 30 giorni nell’arco dei 12 mesi.

È previsto il riconoscimento dei progetti di SCN in termini di crediti formativi/tirocini?

Il Servizio Civile è soprattutto occasione di formazione e crescita per i volontari.

Per questo gli Enti che propongono i progetti stringono accordi con università e altre agenzie di formazione perché vengano riconosciuti ai volontari crediti formativi e tirocini. Tali riconoscimenti devono essere inseriti nel progetto di SCN.

Che cosa devo fare al momento dell’apertura del bando?

Il bando di selezione di SCN viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e sul sito dell’UNSC (Ufficio Nazionale Servizio Civile) www.serviziocivile.it dove è possibile effettuare la ricerca di tutti i progetti.

Che cosa devo fare dopo aver scelto il progetto?

Una volta scelto il progetto il volontario può scaricare dal sito dell’Ente o direttamente dal sito dell’UNSC la domanda di partecipazione al bando, da consegnare compilata all’ Ente presso il quale si sceglie di svolgere il servizio, entro i termini di scadenza del bando di selezione.

Pagine: 1 2