Logo Avis Lombardia
News 19/06/2018

AVIS Nazionale e Avis Lombardia: un percorso di unitarietà

L’elezione di Gianpietro Briola a presidente di AVIS Nazionale riporta nel cuore della Lombardia la spinta propulsiva alla guida della più grande associazione italiana di donatori di sangue. Il dottor Briola, bresciano, già vicepresidente vicario nazionale, poi presidente dell’Avis Provinciale di Brescia, dall’anno scorso è consigliere di Avis Regionale Lombardia, associazione che ha profuso notevoli sforzi a seguito del “caso Le Iene” e dei conseguenti turbamenti in seno al consiglio nazionale di AVIS.

“Non possiamo nasconderci che questo ultimo anno è stato particolarmente faticoso – dichiara Oscar Bianchi, presidente di Avis Regionale Lombardia – soprattutto se pensiamo alle donatrici e ai donatori, al loro gesto generoso che ogni giorno compiono con gioia in tutta Italia, e che merita la massima attenzione dei dirigenti AVIS di ogni livello. È per loro che noi volontari scegliamo di assumere incarichi di responsabilità all’interno degli organi dirigenziali di AVIS, ed è questo assunto, e nessun altro elemento di distrazione, che ci deve vedere attenti e impegnati quotidianamente. Meno che meno devono essere forze centrifughe e divisive a caratterizzare l’andamento dei lavori di AVIS, cosa che ahinoi forse è successa almeno qualche volta nel corso degli ultimi dodici mesi”.

Prosegue Bianchi: “Avis Regionale Lombardia, che rappresenta un quarto dei donatori di tutta Italia, dall’insediamento del nuovo direttivo regionale nel 2017 si è data come obiettivo e metodo di lavoro l’unitarietà, accogliendo nel proprio comitato esecutivo praticamente tutte le province lombarde. Intendiamoci, anche province che in assemblea si erano fatte portatrici di idee differenti, come è sano che sia in un Paese libero e democratico. Noi, all’indomani del voto, abbiamo invitato tutti i consiglieri eletti a un percorso unitario, la maggior parte di essi ha risposto positivamente e di questo li ringraziamo. Uniti e in trasparenza si lavora molto e meglio, anche quando la si pensa in modo diverso”.

“Briola, membro del consiglio direttivo di Avis Regionale Lombardia, è un sostenitore della prima ora di questa linea. Sono sicuro – conclude il presidente Bianchi – che vorrà farsi portatore di unitarietà anche a livello nazionale. Noi lo sosteniamo e continueremo il nostro dialogo con le altre AVIS Regionali affinché la maggior parte di esse e dei consiglieri nazionali vogliano raccogliere questa opportunità per il bene di tutta l’associazione”.